Al via la costruzione delle dune a Riccione per proteggere la spiaggia




Al via la costruzione delle dune a Riccione per proteggere la spiaggia

Al via la costruzione delle dune a Riccione per proteggere la spiaggia: sono iniziati i lavori per innalzare la duna di sabbia che corre lungo quattro chilometri lungo il litorale della Perla Verde a protezione della spiaggia e dell’abitato.

Da sempre, la duna invernale, alta tra i due e i tre metri a seconda delle zone, è stata innalzata a Riccione con un duplice scopo: quello di proteggere la città e l’abitato dall’ingressione marina in caso di burrasca e tutelare la sabbia che poi servirà per il ripascimento dell’arenile in primavera.

Al via la costruzione delle dune a Riccione

Questa mattina i lavori di costituzione della duna sono iniziati dalla zona numero 1. Dalla 1 fino alla zona 48, oltre che nelle spiagge libere di piazzale San Martino e piazzale Roma, sono lavori eseguiti dal Comune di Riccione, coordinati dal servizio Demanio. Dalla 49 fino al porto e dalla 90 fino a piazzale Azzarita sono invece lavori a carico della coop Bagnini. In settimana dalla zona 1 fino alla ex colonia Enel arriveranno per calibrare la duna invernale 6 mila mq di sabbia forniti dalla Regione Emilia Romagna. “

“L’innalzamento della duna invernale è una delle modalità più pratiche e meno costose che abbiamo per proteggere il litorale – spiega l’assessore al Demanio, Andrea Dionigi Palazzi -.

LEGGI ANCHE: Riccione, spiaggia trasformata in teatro per Join! The Nelken Line Project

La duna serve principalmente a proteggere la città delle mareggiate, infatti alcune località che negli anni non hanno provveduto ad innalzata, hanno avuto problemi fino nel centro abitato in caso di burrasca. La duna oltre a proteggere la città ci garantisce la conservazione di un bene indispensabile per la nostra costa esposta all’erosione marina, la sabbia”.“






Source link

Altri articoli dell'impresa

ecco il nuovo regime di calcolo

Imponibile iva su leasing e noleggi nautici: l’agenzia delle entrate chiarisce il nuovo regime di calcolo,  Cecchi: “pur negli esigui spazi che la commissione ue