Calchi di Pompei: gli ultimi ritrovamenti


“Ritorno adesso da Pompei ed ho l’animo pieno di mestizia per uno spettacolo miserando […] sono morti da diciotto secoli, ma sono creature umane che si vedono nella loro agonia. Lì non è arte, non è imitazione; ma sono le loro ossa, le reliquie della loro carne e de’ loro panni mescolati al gesso; è il dolore della morte che riacquista corpo e figura. Io la vedo quella meschina, io odo lo strido con cui chiama la mamma, e la vedo cadere e dibattersi […] Finora si è scoverto templi, case ed altri oggetti che interessano la curiosità delle persone colte, degli artisti e degli archeologi; ma ora tu, o mio Fiorelli, hai scoverto il dolore umano, e chiunque è uomo lo sente”scrive Settembrini il 13 febbraio 1863.

Oggi 21 novembre è stata annunciata la scoperta di due persone che durante l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. persero la vita in una villa suburbana ubicata a 700 metri da Pompei.

Gli scavi iniziati nel 2017 nella località Civita Giuliana hanno portato alla luce una terrazza panoramica che all’epoca dava direttamente sul mare con vista su Capri e i Campi Flegrei. Nel criptoportico sotto la terrazza sono stati ritrovati due fuggiaschi, forse il padrone e il suo schiavo.

Con la tecnica dei calchi sono stati restituiti i due corpi con molti dettagli come la tunica corta e le tracce di tessuto forse fibre di lana.

https://www.beniculturali.it/pompei21112020#:~:text=Due%20calchi%20in%20gesso%20che,del%20Vesuvio%20nel%2079%20d.C.





Source link

Altri articoli dell'impresa

San Carlo | Storia del teatro

Il teatro più antico d’Europa Il teatro di San Carlo è il teatro lirico più antico d’Europa, costruito in poco più di sette mesi per

Il Real Bosco di Capodimonte

Il Real bosco di Capodimonte è il parco storico più grande della città di Napoli, è un Bene Culturale protetto dall’Unesco. Il complesso architettonico-botanico-museale di