Gabicce Mare, pesce appena pescato donato a 30 famiglie bisognose


Gabicce Mare, i pescatori devolvono quotidianamente di pesce fresco appena pescato che resta invenduto a 30 famiglie bisognose nel comune di Gabicce.

Da una idea del presidente di Slow Food Urbino Giulio Lonzi è stato siglato un accordo tra i titolari del motopeschereccio “Spunta l’Alba” (motopeschereccio marchigiano) e l’amministrazione comunale.

L’invito di Slow Food Urbino è quello di arginare lo spreco alimentare, ed è stato subito accolto con entusiasmo dalla Vice Sindaco Marila Girolomoni e dall’Ass.re Aroldo Tagliabracci che, si sono prodigati a reperire un mezzo per il trasporto e la ripartizione del pescato tra le famiglie nelle case popolari e quelle dislocate sul territorio.

Gabicce Mare, pesce appena pescato ai bisognosi

Giulio Lonzi , gastronomo e fiduciario di Slow Food Urbino dichiara: “Lo spreco alimentare è un grave problema globale. Comporta inoltre uno spreco di risorse preziose, cosa che riteniamo profondamente sbagliata. In Italia più di 4000 tonnellate di cibo edibile viene buttato quotidianamente nella spazzatura.”

 

 

“I dati di questo fenomeno sono allarmanti: secondo la Fao sono 3,9 miliardi le tonnellate di cibo prodotte ogni anno nel mondo. Di queste 1,3 vengono sprecate, ovvero 4 volte la quantità di cibo necessaria a sfamare 795 milioni di persone denutrite nel mondo, quasi l’11% della popolazione mondiale. Oggi grazie alla sensibilità di questi pescatori e all’attivismo degli amministratori di Gabicce Mare, stiamo iniziando una filiera solidale arginando il problema”.

LEGGI ANCHE: Pesca all’orata: tecniche, esche e montature per la cattura

Erion Shabanaj titolare dell’imbarcazione Spunta L’Alba della circoscrizione marittima di Pesaro ci spiega: “La pesca non è mai uguale, un giorno prendi poco e non c’è guadagno, un giorno prendi tanto, ma come a te accade anche a tutte le altre flotte di Volanti del territorio così, che spesso accade la saturazione del mercato e il pesce (alici) rimane invenduto.

Siamo onorati che il frutto del nostro duro lavoro renda felici qualche famiglia che in questo duro momento so trova in difficoltà”.





Source link

Altri articoli dell'impresa