Gallipoli, VI Gozzo International Festival: concorrenti tagliano traguardo insieme


Né vincitori, né vinti: dal VI Gozzo International Festival arriva un “dispaccio” importante e cioè che a Gallipoli si viene per stare insieme. Gli equipaggi concorrenti, infatti, alla fine delle regate, hanno deciso di aspettarsi e tagliare il traguardo insieme per lanciare un messaggio a quella parte di flotta “litigiosa” che, per problematiche non condivise sul regolamento adottato dalla Fiv per organizzare le classifiche della vela latina, ha deciso di restare a casa e quindi di non partecipare.

Si chiude l’edizione 2020 dell’evento organizzato dal Circolo Velico Ecoresort Le Sirenè e Caroli Hotels, che celebra il Gozzo che rappresenta il minimo comune denominatore tra tutti i Paesi del Mediterraneo ed è storicamente presente in ogni nazione costiera conservando le stesse caratteristiche tradizionali di costruzione e livrea con colori propri di ciascuna marineria. Cinque gli equipaggi partecipanti.

Tanti gli spunti interessanti di questa edizione: il GIF ha ospitato Progetto Mediterranea: sono stati presenti Simone Perotti (in collegamento), lo scrittore-marinaio ideatore e co-fondatore con Francesca Piro della spedizione nautica, culturale, scientifica e sociale in navigazione nel Mediterraneo dal 2013, che ha concluso la sua prima fase lo scorso ottobre a Genova, dopo aver percorso quasi 20 mila miglia, compiendo l’intero giro del Mediterraneo, dalla costa adriatica italiana e greca a quella del mar di Levante e del mar Nero, da quella dell’Atlantico portoghese alla costa del Maghreb per tornare poi in Italia fino a Genova.

Un successo il VI Gozzo International Festival

Progetto Mediterranea, in attesa di intraprendere la seconda fase della spedizione, che vedrà l’imbarcazione Mediterranea – un ketch armato a cutter di 60 piedi, vettore della spedizione – concentrata principalmente nel Mediterraneo centrale, nel maggio di quest’anno ha lanciato e promosso l’iniziativa “Una bandiera per il Mediterraneo”, ispirata dalle idee e dagli incontri condotti da Perotti e dai Mediterranei nel corso dei primi anni della spedizione. L’associazione racconta, con i suoi protagonisti, il Mediterraneo quale centro del mondo, della civiltà, della lingua, della cultura, dell’arte, delle etnie e del pensiero.

E ancora, il Palio Remiero, Taranto-Gallipoli: due equipaggi a bordo di Gozzi con armo e voga classica si sono sfidati davanti al Seno del Canneto ad evocare lo sbarco delle merci in porto.

Inoltre, l’Associazione Paolo Pinto ha raccontato il proprio contributo volontario indispensabile per la tutela dell’ambiente con l’Operazione “Fondali Puliti” e molte altre iniziative sul territorio.

Caroli Hotels< rappresenta la tradizione di ospitalità nel Salento dal 1965, quando Attilio Caroli e Gilda Nuzzolese aprono a Santa Maria di Leuca l’Hotel Terminal e poi nel 1976 rilevano il complesso alberghiero Le Sirenuse a Gallipoli, trasformato successivamente in Ecoresort Le Sirenè.

Con l’arrivo della terza generazione – Annamaria, Attilio, Gilda e Pierluigi Caputo – sono acquisite nuove strutture: nel 1985 l’ottocentesca Villa La Meridiana a Santa Maria di Leuca; nel 1987 il Joli Park Hotel di Gallipoli; nel 1995 si avvia la ristrutturazione del Bellavista Club sempre a Gallipoli. Alle attività alberghiere la famiglia Caroli – Caputo ha affiancato dal 1995 la commercializzazione di prelibatezze enogastronomiche salentine con il marchio La Dispensa di Caroli, il servizio di Agenzia Viaggi Caroli Turismo e la promozione del Salento attraverso le attività sportive con il brand Caroli Sport.

Oggi siamo giunti alla quarta generazione con i pronipoti Mario e Gabriele, i posti letto sono oltre mille e Caroli Hotels s’impegna costantemente nella formazione professionale, nella ricerca di nuovi servizi e iniziative per la promozione del territorio.

LEGGI ANCHE: Gozzo International Festival, a Gallipoli la sesta edizione della kermesse velica

Con SVieni a Gallipoli organizza un fitto calendario annuale di eventi in tutto il Salento, che spaziano dallo sport all’arte, dalla gastronomia alla cultura, dal benessere alla spiritualità. Innovazione e dinamismo, servizi efficienti e accoglienza tagliata su misura, con particolare attenzione alle esigenze della famiglia. Certificati
Caroli Hotels si utilizzano le tecnologie più innovative legate al campo delle energie alternative rinnovabili e materiali a basso impatto ambientale.

Gallipoli, VI Gozzo International Festival: concorrenti tagliano traguardo insieme





Source link

Altri articoli dell'impresa

“forme di ristoro per turismo”

Assoturismo, Confturismo e Federturismo: “subito adeguate forme di ristoro dopo la chiusura di alcune tipologie di attività, nuove limitazioni all’esercizio di altre e indicazioni di