Infiltrazioni ginocchio per bloccare la gonartrosi


Le infiltrazioni ginocchio di acido ialuronico possono essere dei validi alleati per fermare l’avanzamento della gonartrosi. Vediamo insieme quando e come è possibile ricorrerne.

La gonartrosi è una delle più comuni patologie articolari e rappresenta una delle cause più frequenti di disabilità tra le persone adulte.

La gonartrosi o artrosi del ginocchio si manifesta soprattutto in età avanzata in seguito alla naturale usura della cartilagine del ginocchio, ma può colpire anche soggetti più giovani a causa di traumi ripetuti o malformazioni ossee. È una patologia che non regredisce: si manifesta con dolori intensi, gonfiore e difficoltà di movimento e, se non diagnosticata in tempo, peggiora progressivamente la qualità di vita di chi ne è affetto.

Rivolgersi a un ortopedico specialista ginocchio alla comparsa dei primi sintomi diventa dunque fondamentale per arrestare la progressione della gonartrosi attraverso terapie conservative sempre più efficaci in grado di alleviare il dolore e migliorare la funzionalità del ginocchio.

Tra queste, le infiltrazioni di acido ialuronico sono sempre più consigliate dagli ortopedici poiché hanno grande efficacia quando la gonartrosi non è in uno stadio troppo avanzato. Inoltre, l’acido ialuronico può essere un valido alleato anche in vista di un intervento chirurgico inevitabile poiché è in grado di rallentare la progressione della malattia.

Infiltrazioni ginocchio: che cos’è l’acido ialuronico

Il trattamento conservativo della gonartrosi prevede l’impiego di farmaci antinfiammatori e/o analgesici per eliminare o ridurre il dolore. Accanto a questo approccio tradizionale, sempre più frequentemente, gli ortopedici specialisti ginocchio impiegano le infiltrazioni di acido ialuronico.

L’acido ialuronico è una sostanza prodotta naturalmente dal nostro corpo all’interno della cartilagine e del liquido sinoviale col compito di proteggere l’articolazione lubrificando e coadiuvando l’assorbimento degli shock a cui è sottoposto il ginocchio durante il movimento.

In un paziente affetto da gonartrosi la concentrazione e la qualità di acido ialuronico nel liquido sinoviale e nella cartilagine si riduce notevolmente per questo ricorrere a delle infiltrazioni di reintegro dell’acido ialuronico ginocchio sortisce effetti sorprendenti e favorisce la rigenerazione dei tessuti.

infiltrazioni ginocchio

Infiltrazioni ginocchio: i benefici dell’acido ialuronico

Grazie alle proprietà lubrificanti ed antinfiammatorie l’acido ialuronico viene utilizzato per le infiltrazioni intra-articolari già dai primi anni ’70 del XX secolo. L’interesse verso gli effetti che è in grado di produrre è aumentato nel tempo dimostrando l’efficacia delle infiltrazioni ginocchio soprattutto contro la gonartrosi. Gli studi condotti sulle infiltrazioni ginocchio di acido ialuronico hanno confermato benefici:

  • nella riduzione del dolore e nel miglioramento della funzione articolare del ginocchio
  •  nella salvaguardia della cartilagine dalla penetrazione di cellule infiammatorie e dagli enzimi litici che la degradano.
  • nell’effetto antinfiammatorio, con riduzione del versamento articolare del liquido prodotto dalla membrana sinoviale
  • nella ricreazione dello strato amorfo superficiale di cui è composta la cartilagine
  • nell’aumento della densità dei condrociti che formano la componente cellulare del tessuto cartilagineo

Infine, un ulteriore vantaggio legato alla terapia d’infiltrazioni ginocchio con acido ialuronico è la possibilità di ridurre o eliminare totalmente l’assunzione di farmaci da parte del paziente oltre che di ritardare o, ove possibile, sostituire, il ricorso alla chirurgia.

Infiltrazioni ginocchio: modalità d’intervento

Il trattamento della gonartrosi con infiltrazioni di acido ialuronico è piuttosto semplice: non richiede alcuna particolare preparazione poiché le infiltrazioni vengono effettuate senza alcuna anestesia direttamente a livello intra-articolare.

L’ortopedico specialista ginocchio sceglierà la frequenza e il numero di applicazioni in funzione della gravità del processo degenerativo. Può inoltre iniettare preparati con caratteristiche diverse in base alla sintomatologia del caso specifico e alla capacità di assorbimento del paziente.

Gli studi clinici dimostrano che anche dopo applicazioni ripetute e prolungate nel tempo non sorge alcun effetto collaterale se non quello di infiammazioni transitorie associate a gonfiore che durano poche ore mentre, l’efficacia clinica, è dimostrata per almeno 6 mesi – 1 anno dal ciclo di infiltrazioni ginocchio.

Infiltrazioni ginocchio: la riabilitazione

Integrate in un protocollo riabilitativo più ampio, le infiltrazioni ginocchio di acido ialuronico possono risolvere la fase dolorosa acuta e migliorare la funzionalità globale dell’articolazione. Alcuni pazienti notano un miglioramento dei sintomi già pochi giorni dopo la prima infiltrazione ma il risultato consolidato si ottiene dopo circa 2-3 settimane dal termine del ciclo

infiltrazioni ginocchio

Certo, le sole infiltrazioni non sono sufficienti. A queste vanno associate un adeguato programma di rieducazione motoria con esercizio fisico e rinforzo muscolare.

Non è un caso che l’acido ialuronico sia utilizzato in maniera molto ricorrente in ambito sportivo al fine di rallentare l’usura delle cartilagini tipica per chi si allena costantemente o per accelerare i tempi di recupero da un infortunio.

 

Dove trovare il Dott. Paolo Lucci

Il Dott. Paolo Lucci, specialista in Ortopedia e Traumatologia, opera alla Salvator Mundi International Hospital, all’Ospedale Israelitico e allo studio fisioterapico Fisio Plus Roma, in via Donatello (zona Flaminio).

Se il tuo ginocchio manifesta i sintomi di una gonartrosi, non aspettare che peggiori, ricorri a una consulenza specialistica per valutare l’opportunità di ricorrere alle infiltrazioni ginocchio. Contattaci qui per richiedere un appuntamento.






Source link

Altri articoli dell'impresa

Coxartrosi: sintomi, cause e terapia

La coxartrosi, o artrosi dell’anca, è una patologia degenerativa di usura della cartilagine dell’articolazione coxofemorale. L’anca è l’articolazione più grande del corpo umano ed è