Ortopedico protesi ginocchio:modalità d’intervento | Dott. Paolo Lucci


L’ ortopedico protesi ginocchio è un medico specializzato nella chirurgia protesica del ginocchio e interviene in tutti quei casi in cui l’articolazione è usurata o ha subito dei danni gravi con conseguente dolore, limitazione dei movimenti, zoppia. Vediamo nello specifico le cause che rendono necessario l’impianto di una protesi di ginocchio e come viene eseguito l’intervento chirurgico.

Il ginocchio è suddiviso in tre compartimenti: femoro-tibiale interno, femoro-tibiale esterno e femoro-rotuleo, tutti coadiuvati da altri elementi che ne garantiscono il corretto funzionamento ovvero: la cartilagine articolare, che riveste la superficie dell’articolazione e le protegge dallo sfregamento; i legamenti, che uniscono il femore e la tibia nella parte anteriore e posteriore dell’articolazione; i menischi che, situati tra femore e tibia, hanno il compito di ridurre l’attrito tra i due ed assorbire le sollecitazioni.

Per la sua conformazione anatomica dunque l’articolazione del ginocchio è tra le più resistenti del corpo umano ma anche quella soggetta alle maggiori sollecitazioni che, soprattutto in età avanzata, possono condurre a lesione o patologie che ne pregiudicano il corretto funzionamento.

Ortopedico protesi ginocchio: quando interviene

Le cause più comuni che rendono necessario l’intervento di un ortopedico protesi ginocchio sono:

L’artrosi del ginocchio è una patologia degenerativa di usura della cartilagine che riveste le componenti dell’articolazione. È molto diffusa soprattutto in età avanzata, ma può trovare origine anche in traumi ripetuti, squilibri posturali o conformazione ossea. I sintomi sono in genere dolore, gonfiore e rigidità articolare. Nei casi di artrosi più lieve e per pazienti giovani si preferisce usare tecniche chirurgiche mininvasive, come l’artroscopia, con la quale ripulire e riparare le cartilagini del ginocchio. Se invece i danni sono così gravi da rendere difficile le più comuni attività quotidiane è necessario intervenire con una protesi al ginocchio.

L’artrite reumatoide è una malattia infiammatoria autoimmune che costringe il sistema immunitario ad attaccare in maniera anomala i tessuti sani dell’articolazione, in particolare la membrana sinoviale, che, infiammandosi, causa dolore ed erosione della cartilagine e delle ossa. È una patologia degenerativa quindi, anche in questa circostanza, nei casi meno gravi, l’ortopedico specialista ginocchio prescrive una terapia farmacologica o utilizza approcci terapeutici poco invasivi quali le iniezioni di corticosteroidi o le infiltrazioni di acido ialuronico. Se l’articolazione è invece danneggiata in maniera grave, l’ortopedico specializzato protesi ginocchio non può che intervenire innestando una protesi artificiale.

Altre cause che rendono necessario l’intervento di un ortopedico protesi ginocchio sono: l’osteonecrosi dei condili femorali e tibiali, che si verifica quando una o più parti dell’articolazione non riceve un sufficiente afflusso di sangue provocando la morte del tessuto osseo; artropatie metaboliche come ad esempio la gotta o la psoriasi; displasia e deformità congenita del ginocchio che comportano un allineamento anomalo degli elementi ossei che compongono l’articolazione.

 

Ortopedico protesi ginocchio: le fasi dell’intervento

I processi degenerativi appena descritti che necessitano dell’intervento di un ortopedico protesi ginocchio colpiscono perlopiù le persone tra i 60 e gli 80 anni. Molto più raramente si interviene chirurgicamente sui giovani adulti per evitare che, a distanza di 15-20 anni, durata media di una protesi di ginocchio, il paziente debba sottoporsi a un nuovo intervento, molto più elaborato, di sostituzione della protesi.

L’obiettivo di un intervento di protesi ginocchio è restituire al paziente una migliore capacità motoria e una drastica riduzione del dolore. L’intervento dell’ortopedico protesi ginocchio offre risultati molto apprezzabili e un recupero dell’attività motoria piuttosto rapida: va quindi ad incidere in maniera consistente sulla qualità di vita del paziente.

Protesi monocompartimentale ginocchio

L’intervento di protesi ginocchio prevede la sostituzione dei tessuti danneggiati con una protesi monocompartimentale quando solo un’estremità ossea è seriamente danneggiata quindi un solo compartimento del ginocchio, mentre gli altri due e i legamenti crociati sono ancora integri. ortopedico protesi ginocchio

Spesso, nella maggior parte degli interventi eseguiti da un ortopedico protesi ginocchio, è l’artrosi al condilo femorale a rendere necessaria la protesi monocompartimentale ginocchio. L’intervento è davvero rapido e poco faticoso. Viene eseguito in anestesia locale e il paziente può mettersi in piedi già il giorno stesso dell’intervento ed essere dimesso dopo un paio di giorni.

Protesi totale ginocchio

Molto più frequente è invece la sostituzione totale dell’articolazione del ginocchio. In questi casi la cartilagine si è erosa a tal punto da danneggiare tutti i compartimenti e quindi l’ortopedico protesi ginocchio è costretto a sostituirli con una protesi totale. L’innesto di una protesi totale ginocchio è, in assoluto, l’intervento più praticato. La moderna tecnologia dei materiali e le tecniche chirurgiche, sempre meno invasive, assicurano ottimi risultati e rapida ripresa dell’autonomia motoria. Dopo un’anestesia locale, l’ortopedico protesi ginocchio provvederà alla sostituzione dell’articolazione danneggiata con un intervento che dura poco meno di un’ora e che consentirà al paziente di potersi mettere in piedi già il giorno stesso dell’intervento e di poter abbandonare le stampelle a distanza di 15-20 giorni, riprendendo le normali attività della vita quotidiana. La protesi totale di ginocchio infatti sostituisce perfettamente le parti danneggiate dell’articolazione assicurando una riproduzione fedele del funzionamento di un ginocchio sano mentre i materiali, molto resistenti, garantiscono, nel 90% dei casi, una durata superiore ai 20 anni grazie anche alla fissazione biologica della protesi.

ortopedico protesi ginocchio

Dopo l’intervento, l’ortopedico protesi ginocchio vi suggerirà l’osservanza di alcune piccole regole e una cura fisioterapica adeguata a rinforzare i muscoli e rieducare la camminata. La degenza in ospedale è di 3 o 4 giorni mentre il recupero totale e la ripresa delle normali attività avvengono dopo 2 o 3 mesi dall’intervento.

Dove trovare il Dott. Paolo Lucci, ortopedico specialista protesi ginocchio Roma

Il Dott. Paolo Lucci, ortopedico protesi ginocchio, visita ed opera alla Salvator Mundi International Hospital, all’Ospedale Israelitico e allo studio fisioterapico Fisio Plus Roma, in via Donatello (zona Flaminio).

Se senti dolore intenso e irrigidimento articolare al ginocchio, ricorri a una consulenza specialistica. Contattaci qui per richiedere un appuntamento.






Source link

Altri articoli dell'impresa

Coxartrosi: sintomi, cause e terapia

La coxartrosi, o artrosi dell’anca, è una patologia degenerativa di usura della cartilagine dell’articolazione coxofemorale. L’anca è l’articolazione più grande del corpo umano ed è