scattano divieti per pesca e nautica da diporto


Con l’entrata in zona rossa da domani, mercoledì 18 novembre, anche in Abruzzo scattano i divieti di pesca e di andare in barca.

Per effetto del DPCM, che classifica le regioni italiane in base al rischio contagio da Covid 19, le attività sono sospese fino al prossimo 3 dicembre, con restrizioni per gli spostamenti “se non per comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità”.

Abruzzo zona rossa: pesca vietata

Dopo la Campania e la Toscana, ultime regioni passate in zona rossa, stavolta tocca all’Abruzzo. Ma quali sono nello specifico i divieti previsti dal Dpcm? E ci sono dei casi in cui si può andare a pesca in zona rossa? Cerchiamo di fare chiarezza.

In zona zona rossa, sostiene il Dpcm e, come chiarito anche dalla Fipsas, l’attività di pesca è vietata, non rientra tra quelle che consentono gli spostamenti e, in teoria, può effettuarla solo chi, ad esempio, disponga di un laghetto attrezzato nei pressi della propria abitazione o domicilio. Gli spostamenti sono consentiti solo “per comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità”, pertanto potrà praticare la pesca sportiva solo chi può vicino casa.

Stop alle uscite in barca

Anche la nautica da diporto si ferma per effetto dello scattare della zona rossa, poiché in Abruzzo, entrando nello scenario 4, ovvero il livello più alto del rischio da Covid19,  Pertanto, sono vietati gli spostamenti “se non per comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità”. Come per la pesca, insomma, vengono vietati gli spostamenti immotivati. A meno che non siano per motivi lavorativi o attività agonistiche non sospese per effetto del decreto del 3 novembre scorso, perché altri tipi di spostamenti – come quelli in barca – non vengono autorizzati.

LEGGI ANCHE: Nuovo Dpcm, si può andare in barca nelle zone rosse?

Accanto al Dpcm, inoltre, ci sono le eventuali ordinanze emesse dalle Regioni o dalle Province autonome o in qualche caso anche le ordinanze dei sindaci: i pescatori  devono quindi verificare anche la presenza di ulteriori divieti decisi localmente.

Tutti gli altri divieti previsti per le regioni zone rosse

La pesca e le attività diportistiche, sono dunque vietate sono dunque vietate in quanto non sono possibili gli spostamenti. Ecco, nel dettaglio, quali sono gli altri divieti previsti per le regioni zone rosse:

    • La libera circolazione non è consentita se non per motivi di lavoro, di urgenza o di assoluta necessità. “E’ vietato ogni spostamento, anche all’interno del proprio comune, in qualsiasi orario, salvo che per gli spostamenti motivati”.
    • Per uscire di casa serve l’autocertificazione, ove indicare il motivo dell’uscita e l’eventuale destinazione. È comunque sempre “consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”.
    • È comunque permesso svolgere individualmente passeggiate in prossimità della propria abitazione, nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di mascherina.
    • Lo svolgimento di attività sportive esclusivamente all’aperto ed in forma individuale (corsa, bicicletta, non necessariamente vicino al luogo di residenza) è consentito.
    • Muniti di autocertificazione è permesso andare in tutti i negozi e le attività commerciali che restano aperte, come supermercati, ottici, concessionarie, ferramenta eccetera.

Seguici su Facebook e resta aggiornato – Clicca qui





Source link

Altri articoli dell'impresa