Vendée Globe, Alex Thomson rallenta per una riparazione a una trave


Lo skipper britannico della Vendée Globe, Alex Thomson, è stato costretto a rallentare il suo HUGO BOSS mentre tentava di effettuare una riparazione tecnica a una trave longitudinale vicino alla prua della sua IMOCA.

Thomson ha avvertito la sua squadra del problema intorno alle 19 di sabato sera dopo che un’ispezione di routine ha sollevato preoccupazioni immediate mentre correva verso sud-est verso l’Oceano Antartico, parte del trio principale di barche che correvano verso sud-est a circa 850 miglia nautiche a est di Rio de Janeiro, Brasile.

Il team di Alex Thomson: “Possiamo effettuare le riparazioni”

Con l’imminente esigenza di immergersi a sud per più di un mese nelle acque inospitali tra il Capo di Buona Speranza e il Capo Horn, lo skipper britannico di 46 anni vorrà avere piena fiducia nelle riparazioni e nella sua IMOCA (guarda il video). Ma una dichiarazione rilasciata questa mattina dal suo Alex Thomson Racing Team conferma che ha i materiali e i metodi per effettuare le riparazioni necessarie e mira a tornare in rotta il più rapidamente possibile.

“Alex ha ora messo la barca in una posizione sicura per gestire lo stato del mare in modo da ridurre i movimenti a bordo mentre effettua la riparazione. Ha tutti i materiali necessari a bordo, un piano dettagliato da seguire e un team di ingegneri di livello mondiale che lo consigliano. Siamo quindi fiduciosi nella sua capacità di completare la riparazione. Il nostro obiettivo è effettuare le riparazioni necessarie in modo rapido ed efficace, al fine di ridurre al minimo le miglia perse e riprendere a correre”, ha detto il direttore tecnico del Racing di Alex Thomson, Ross Daniel.

Thomas Ruyant in testa: “Ma non è un game over”

Essendo stato al secondo posto nella flotta di 33 barche durante il sabato, con una media di 16 nodi a volte e circa 25 miglia nautiche dal leader di gara Thomas Ruyant, la pausa di Thomson gli era già costata 150 miglia su Ruyant e Charlie Dalin (Apivia) che sono passati al secondo 23 miglia a sopravvento allo skipper britannico intorno alla mezzanotte di ieri sera.

“Supponendo che Alex impieghi 24 ore per effettuare una riparazione e ripartire, si riunirebbe al gruppo di inseguitori con Arkéa Paprec, Initiatives Cœur e PRB, perderebbe un bel po ‘perché questo lo metterebbe 1000 miglia indietro a Capo di Buona Speranza. Ma ho anche guardato la storia della gara e ricordo che l’ultima volta nell’ultima gara ha doppiato Capo Horn 800 miglia dietro Armel Le Cléac’h e quindi non la chiamerei ‘game over’”, ha suggerito Yoann Richomme, vincitore dell’ultima Route du Rhum in Class40 e doppio vincitore de La Solitaire du Figaro quando era oggi ospite del programma inglese Vendée Globe LIVE.

Richomme, vincitore della Route du Rhum in Class40: “Barche difficili”

Parlando dell’ultima generazione di foiler veloci, Richomme, rinomato come tecnico meticoloso, ha spiegato: “Queste nuove barche sono davvero difficili da navigare, sono davvero difficili da ingegnerizzare e stanno sbattendo contro le onde con molta potenza, il che è molto probabile è successo ad Alex. Quello che è difficile è che sappiamo che hanno tolto i piedi dal gas un po ‘a sud nell’ultima regata per preservare le barche l’ultima volta, e penso che lo faranno di nuovo. Dallo scenario che stiamo vedendo hanno bisogno di preservare le barche. Quando queste barche iniziano a decollare, sbattono gli scafi un po ‘più indietro, ma ora queste barche sono completamente sventate, volando molto spesso, ora sono le prue che colpiscono le onde davanti, da 2-3m di altezza a volte l’impatto sulla prua è enorme e sappiamo che molte barche in Francia avevano rinforzi a prua. Abbiamo visto CORUM L’Epargne a settembre fare una riparazione di due settimane a prua. Stanno scoprendo nuovi problemi e speriamo che ne abbiano risolti la maggior parte “.

LEGGI ANCHE: Vendée Globe, Giancarlo Pedote vicino alle barche che lo precedono

A due settimane dall’inizio della regata a Les Sables d’Olonne domenica 8 novembre ci sono molte riparazioni, piccole e non così piccole, critiche e quasi accidentali, che lo skipper deve fare. Contemplando la discesa nell’Oceano Meridionale, il leader della regata Thomas Ruyant (LinkedOut) è dovuto salire sull’albero di 28 metri della sua IMOCA dopo che la sua drizza di riserva si è rotta.

I due IMOCA principali, LinkedOut e Apivia sono fianco a fianco a 10 miglia di distanza l’uno dall’altro e si lanciano in un incontro di abbattimento mentre scendono a sud-est verso un’area di aria instabile, descritta da Dalin come ‘buca del topo’ attraverso la quale devono passare per arrivare a l’Oceano Antartico e una corsa veloce verso est verso la longitudine del Capo di Buona Speranza.

Beyou ha allungato il passo nel sud delle Canarie

Ora la flotta Vendée Globe si estende per oltre 3000 miglia, Jérémie Beyou al 32 ° posto, ha allungato il passo nel sud delle Canarie. Ascoltare gli skipper nelle chiamate quotidiane o leggere i messaggi inviati da bordo, qualunque sia l’età della barca o la sua posizione sulla scacchiera atlantica, ogni giorno porta la sua parte di problemi. Ieri è stata una banderuola per Sébastien Simon nona classificata, oggi una riparazione composita su una parte del fioretto per Armel Tripon su L’Occitane e quella settimana di riparazione alla randa del giapponese Kojiro Shiraishi. Grandi o piccoli i problemi prevalgono nella flotta.

Armel Tripon, lo skipper de L’Occitane en Provence, riflette: “Le barche vogliono andare veloci, inseguono le velocità previste e sono costruite per questo e le squadre e gli architetti stanno spingendo tutto il tempo per andare veloci. Ora tocca a ciascuno di noi navigare con la nostra anima e la nostra tranquillità”.





Source link

Altri articoli dell'impresa